"Dove incomincia
la finzione,
lì termina
la mia arte"
 
Luigi Bartolini
L'EREMO DEI FRATI BIANCHI

L'Eremo dei Frati Bianchi, Bucciarelli, Ancona, 1960, finito di stampare nell'aprile 1963 dalla Tipografia Giovagnoli di Ancona, formato mm. 300x452, pagine 26, copertina in carta a mano pesante color avorio delle cartiere Fabriano, interno su carta a mano classica Fabriano impressa con caratteri Garaldus. 
Edizione di cento copie complessive; le prime settanta sono contrassegnate con numeri arabi, le successive trenta, fuori commercio, con numeri romani. Ciascun esemplare contiene quattro incisioni originali stampate su carta a mano Fabriano con fondino (Gli alberi giovani 1919 mm. 247x235, L’'olivo 1932 mm. 84x79, La quercia bella 1950 mm. 107x173, Eppoi si muore 1949 mm. 64x55), le acqueforti, non essendo state firmate per la morte dell'artista, sono state autenticate con il timbro a secco di Luigi Bartolini e la firma, nel colophon, della figlia Luciana. La poesia era già stata pubblicata su Pianete nel 1953.​​​​​​​

Luigi Bartolini, L Eremo dei Frati Bianchi, Frontespizio e Gli alberi giovani
Luigi Bartolini, L Eremo dei Frati Bianchi, 2, L olivoLuigi Bartolini, L Eremo dei Frati Bianchi, 3, La quercia bella
Luigi Bartolini, L Eremo dei Frati Bianchi, 4, Eppoi si muore​​​​​​​
 
 
 
  Site Map